Distinguere cancro al cervello dal tessuto sano

distinguere il cancro al cervello dal tessuto sano
La tecnologia può aiutare i chirurghi a distinguere il cancro al cervello dal tessuto sano.
Promessa della ricerca: potrebbe essere utilizzato negli esseri umani, non appena questa estate, dichiara l’autore dello studio.

I ricercatori stanno facendo progressi nello sviluppo di una tecnologia del tipo a ultrasuoni che aiuta i neurochirurghi a distinguere tra tumori cerebrali e tessuto normale.

Nel nuovo studio, i ricercatori segnalano come la tecnologia ha lavorato sul tessuto cerebrale umano. Ma, la tecnologia non è ancora stata testata in persone viventi.

“Speriamo che questa estate faremo srotolare i primi studi preliminari, e inizieremo ad usarlo in pazienti”, ha detto il co-autore Dr Alfredo Quinones-Hinojosa, professore di chirurgia neurologica e oncologia e direttore del Brain Tumor Surgery Program alla Johns Hopkins University School of Medicine in Baltimore. Attualmente, ha detto, «siamo tormentati perché molte volte non siamo in grado di dire che cosa è un tumore e che cosa è il cervello normale”.

Lo studio compare nel numero del 17 giugno di Science Translational Medicine.

Sono circa 70.000 le persone con diagnosi di cancro al cervello negli Stati Uniti ogni anno, da dati dell’American Brain Tumor Association. Il cancro al cervello uccide circa 14.000 americani ogni anno, da identici dati.

La chirurgia è il trattamento raccomandato in molti casi. Ma può essere difficile dire dove il tumore finisce e comincia il tessuto cerebrale sano.

“Quanto più tessuto tumorale si toglie, meglio per i pazienti”, ha detto Quinones-Hinojosa.

Tuttavia, la rimozione del tipo sbagliato di tessuto può “potenzialmente compromettere funzioni come il discorso o muovere il braccio o il dito”, ha detto il co-autore Xingde Li, un professore di ingegneria biomedica presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “Vogliamo avere uno strumento di guida molto preciso per dirvi cosa tagliare e non tagliare”.

Gli autori dello studio hanno spiegato: “Ecco dove la nuova tecnologia entra in gioco. Essa si basa sulla tomografia a coerenza ottica, che utilizza la luce per misurare la distanza, un po ‘come il radar”.

“Funziona in modo simile agli ultrasuoni, ma ha una migliore risoluzione perché la luce viaggia più veloce del suono,” ha detto l’autore dello studio Carmen Kut, uno studente laureato alla Johns Hopkins University.

La tecnologia produce mappe colorati che consentono una migliore distinzione tra i tipi di tessuto cerebrale, hanno spiegato i ricercatori.

Per lo studio, i ricercatori hanno testato la tecnologia analizzando tessuto cerebrale umano – alcuni dei quali cancerosi – che era stato rimosso dalle persone. Essi hanno analizzato il tessuto in laboratorio e trapiantato parte in topi per ulteriori analisi.

Se funziona nelle persone, “Ci aiuterà non solo a vedere il tumore, ma anche di eliminare di più”, ha detto il co-autore Quinones-Hinojosa, “ed estendere la sopravvivenza dei pazienti.”

Altri esperti hanno espresso alcune riserve. “I tumori cerebrali umani trapiantati nel cervello di animali non riflettono pienamente come crescono in pazienti umani”, ha detto Ruman Rahman, professore assistente in neuro-oncologia molecolare dei bambini Brain Tumor Research Center presso l’Università di Nottingham, in Inghilterra. “Pertanto, non si può presumere che la tecnologia funziona altrettanto bene in pazienti come in animali.”

Eppure, Rahman ha detto: “Questo è potenzialmente una tecnologia innovativa.”

Un altro specialista di tumore al cervello, Peter Jarritt, vice direttore del NIHR Healthcare Technology Cooperative for Brain Injury nel Regno Unito, ha ammonito che la tecnologia non penetra attraverso uno strato di sangue, potenzialmente limitando il suo impiego se c’è sanguinamento significativo durante un’operazione.

Il co-autore dello studio Li spera che la nuova tecnologia possa essere più conveniente in termini di costi rispetto ad alcune altre forme di tecnologia di scansione cerebrale. In termini di effetti collaterali, ha detto che la luce non danneggia il tessuto cerebrale.

Oltre ai tumori cerebrali, Kut ritiene che la nuova tecnologia potrebbe rivelarsi utile in altri tipi di tumore. E potrebbe anche aiutare i chirurghi ad evitare i vasi sanguigni durante gli interventi chirurgici.

Copyright (c) 2015 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

Print Friendly

Lascia un commento