grassi trans nocivi banditi

grassi trans nocivi banditi
I grassi trans nocivi potrebbero presto essere banditi dalla catena alimentare degli Stati Uniti, a seguito di un bando US Food and Drug Administration previsto da un giorno all’altro.

La mossa potrebbe prevenire fino a 20.000 infarti e 7.000 morti per malattie cardiache all’anno, dice la FDA.

La maggior parte dei grassi trans negli alimenti provengono da oli parzialmente idrogenati. Fino ad oggi, la FDA ha designato questi oli con lo stato “generalmente riconosciuto come sicuro”. Ciò consente ai produttori di usare questi oli nei prodotti alimentari senza previa approvazione della FDA.

Ma sotto la norma proposta, la FDA avrebbe riclassificato gli oli parzialmente idrogenati come additivi alimentari. Questo significa che le aziende avrebbero bisogno di una approvazione federale prima di includerli nei prodotti alimentari.

“Questa sarà una grande vittoria per la salute pubblica”, ha detto Jim O’Hara, direttore della promozione della salute per il Center for Science in the Public Interest, che inoltrò una petizione alla FDA per vietare i grassi trans nove anni fa. “É tempo per togliere i grassi trans dalla catena alimentare.”

I produttori alimentari usano oli parzialmente idrogenati per migliorare la consistenza, la conservazione e allungare la durata del sapore degli alimenti, secondo la FDA. Essi sono creati facendo reagire idrogeno con olii vegetali (in presenza di un catalizzatore, in genere a base di nichel) per renderlo più solido.

Questi oli più spesso si trovano in alimenti trasformati come:

prodotti da forno come torte, biscotti e torte,
emulsionatori,
popcorn a microonde,
pizza surgelata,
margarina ed altri spalmabili,
grasso vegetale,
prodotti di pasta refrigerati come biscotti e panini alla cannella.

I grassi trans sono considerate anche peggio dei grassi saturi come il burro, perché allo stesso tempo aumentano il colesterolo “cattivo” LDL e ridurre colesterolo “buono” HDL nel corpo, ha detto Sonya Angelone, nutrizionista dietista registrata a San Francisco.

“I grassi trans non fanno nulla di buono per noi, e sono in un sacco di alimenti che la gente mangia”, ha affermato Angelone, un portavoce per l’Accademia di nutrizione e dietetica. “Se ci liberiamo di loro, stiamo aiutando le persone a ridurre i rischi di attacchi di cuore e ictus.”

Le aziende hanno cominciato a tagliare l’uso di oli parzialmente idrogenati, nel 2006, quando la FDA ha aggiunto l’obbligo di dichiarare i grassi trans tra i componenti  contenuti nei prodotti, ha detto O’Hara.

I produttori alimentari hanno volontariamente ridotto le quantità di oli parzialmente idrogenati nei prodotti alimentari per l’86 per cento dal 2003, e continuano a rimuoverli dai prodotti, secondo una dichiarazione rilasciata la scorsa settimana dalla Grocery Manufacturers Association.

“Penso che loro hanno visto il messaggio scritto sul muro”, ha detto Angelone. “Molte grandi aziende hanno già iniziato a sbarazzarsi dei grassi trans.”

Nel novembre 2013, la FDA ha pubblicato una inchiesta provvisoria per determinare se gli oli parzialmente idrogenati non siano generalmente riconosciuti come sicuri. Ha aperto la questione per un commento pubblico e da allora ha preso in ingresso i dati e commenti da parte dei consumatori, l’industria, i gruppi di pressione e ricercatori universitari.

L’ultima dichiarazione della FDA, pubblicata la scorsa settimana, dice che l’agenzia “si aspetta di prendere una decisione definitiva se i grassi trans artificiali, noti come oli parzialmente idrogenati, sono generalmente riconosciuti come sicuri per l’uso nei prodotti alimentari nelle prossime settimane.”

Le aziende sarebbero ancora in grado di presentare una petizione alla FDA per l’uso di oli parzialmente idrogenati come additivi alimentari, per aiutare a preservare sapore o colori in alcuni alimenti.
Il Grocery Manufacturers Association guida un gruppo di lavoro del settore che sta preparando una petizione per l’utilizzo nel cibo di oli parzialmente idrogenati come additivi.

“Ci auguriamo che la FDA prenderà con occhio molto rigoroso e scettico tali petizioni”, ha detto O’Hara.

Copyright (c) 2015 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

Print Friendly

Lascia un commento